Sunday, April 15, 2012

Introduzione ad UMA. Parte I

Questo è il primo di una serie di post che ha l'obiettivo d’illustrare il protocollo User-Managed Access (UMA)  e le principali esigenze che intende indirizzare.

Che cos'è UMA
UMA  è un protocollo progettato per fornire ad un utente web (Authorizing User) un punto di controllo unificato per autorizzare chi e cosa può ottenere l'accesso ai propri dati personali on-line (come attributi d'identità ), il contenuto (come foto) e servizi (come la visualizzazione e la creazione/aggiornamento di uno stato), non importa dove tutte queste informazioni risiedono sul web.


UMA permette all'utente di verificare l'idonietà della parte richiedente (Requesting Party) che riceve l'autorizzazione per l'accesso ai dati personali. Le verifiche possono includere le richieste di informazioni (ad esempio "Chi sei? oppure "hai piu' di 18 anni?") e promesse (ad esempio "Sei d'accordo sui termini di divulgazione di queste informazioni", oppure " puoi confermare che le tua privacy e le politiche di portabilità del dato corrispondono ai miei requisiti?").

La figura seguente illustra il modello architetturale di alto livello e i principali attori coinvolti nel processo autorizzativo del protocollo UMA.


Come UMA indirizza i requisiti di privacy dell’utente e di controllo dell'uso dei dati?
Le verifiche d’idonietà che l'utente potrebbe voler fare sul richiedente non possono essere risolte solo con sistemi di crittografia e protocolli web, ma è necessario fare ricorso ad accordi ed alla responsabilità delle parti.

UMA non adotta tecniche come DRM (Digital Rights Management), mediante il quale è possibile, utilizzando meccanismi crittografici, restringere l’accesso ai dati prima che i dati vengano inviati.
Più semplicemente e più convenientemente per l’utente finale, UMA pone l’attenzione, anche per una facilità di adozione, sulla visibilità dell’utente e sul controllo dell’accesso ai dati da parte di terzi.

UMA ha come obiettivo un livello minimo ragionevole di applicazione degli accordi autorizzativi, tali che se la parte richiedente va contro le promesse a cui ha aderito in fase di accesso, allora il soggetto interessato può ricorrere in giudizio.


No comments:

Post a Comment

Post a Comment